come scegliere un consulente finanziario

Scelta ragionata al consulente finanziario ideale

Cercare un consulente finanziario di cui potersi fidare è sempre un’impresa delicata ed ardua.
Nessuno è disposto ad affidare la gestione dei propri investimenti ad una persona scelta a caso, ma, al tempo stesso, non esistono molti metodi oggettivi per scegliere con accuratezza un buon consulente finanziario.

La soluzione italica a questo problema si chiama passaparola: come succede per altri tipi di professionisti, è il caso ad esempio dei medici, si è naturalmente portati a chiedere consiglio ad amici e conoscenti che raccomandano qualcuno con cui hanno già avuto a che fare o che, a loro volta, hanno sentito consigliare caldamente da ulteriori amici e conoscenti.
E così si è portati a dare fiducia ad un consulente finanziario che viene consigliato in quanto nipote dell’amica di briscola del vicino di casa.

E’ davvero questo il metodo infallibile per identificare un consulente finanziario che riesca a soddisfare le proprie esigenze? 
Inoltre, si può davvero pensare che un professionista che soddisfa le necessità finanziarie di un’altra persona, che ha particolari bisogni, richieste e ambizioni, possa essere adeguato anche per le proprie?

Ecco una semplice ma efficace check list che ti aiuterà a scegliere il consulente finanziario più adatto alle tue esigenze ed alla tua personalità affinché questa figura rappresenti davvero un alleato del tuo risparmio.

Il consulente finanziario ha i titoli per prestarti consulenza?

Parto da una considerazione banale ma non così scontata: chi presta attività di consulenza deve essere preventivamente autorizzato. Purtroppo può capitare che chi si propone non ne abbia titolo.
Durante il primo colloquio è importante che ti siano presentate le attestazioni relative all’esercizio della sua attività.
Puoi anche fare una veloce verifica,
tramite nome e cognome, dell’effettiva iscrizione all’albo unico dei consulenti a questo link.

Il sito ti dà, inoltre, la possibilità di controllare attraverso il pulsante “dettaglio”:

  1. L’effettiva data di iscrizione all’albo in modo da valutare anche l’esperienza maturata dal consulente;
  2. La società per cui il consulente opera e quelle per cui ha operato;


Esistono, inoltre, ulteriori livelli di certificazione non obbligatori ma che contribuiscono ad accrescere le qualifiche e le competenze del consulente nel campo della pianificazione patrimoniale. E’ il caso, ad esempio, delle attestazioni rilasciate dall’EFPA ( European Financial Planning Association ): si tratta del più autorevole organismo professionale europeo  in materia di definizione di standard e di certificazione professionale dei consulenti finanziari.
Anche in questo è possibile verificare direttamente sul sito EFPA i livelli di certificazione conseguiti dal consulente  (vai al  sito EFPA).

Il consulente finanziario sta proponendo prodotti standard o un servizio personalizzato?

La funzione del consulente è quella di aiutarti  a capire come ottenere ciò che per te è importante nella vita, attraverso la corretta gestione delle tue  disponibilità patrimoniali.
Ogni investitore ha necessità, ambizioni, emotività differenti da quelli di chiunque altro. E’ per questo motivo che, prima di venderti un prodotto, il consulente finanziario deve offrirti un servizio.
E deve essere personalizzato: alla base di ogni proposta devono esserci analisi e motivazioni specifiche ed uniche. Diffida di qualsiasi standardizzazione/massificazione della consulenza.
Proposte affrettate e concentrate  su prodotti di investimento di un’unica “marca”, senza valide motivazioni a supporto,  implicano un alto conflitto d’interessi e, di conseguenza, una minor soddisfazione delle tue esigenze.

Il consulente finanziario riesce a creare empatia e spiega le cose con chiarezza e disponibilità? 

La prima dote di un buon consulente è la capacità di comunicare con il cliente.
Il “trasferimento delle conoscenze” dal consulente al cliente è un’attitudine indispensabile ed estremamente importante perché ti fornisce gli strumenti che ti possono aiutare a crescere e progredire finanziariamente.
Ecco perché un buon consulente deve avere, prima di tutto,  la capacità di illustrare con termini semplici e comprensibili, a seconda del tuo grado di conoscenza:

  • Le caratteristiche del piano d’investimento elaborato;
  • I motivi che stanno alla base delle scelte;
  • I benefici ed i rischi che questo comporta;
  • I costi ad esso associati.

Ogni spiegazione, approfondimento, soluzione deve essere proposta in termini comprensibili chiari ed inequivocabili, soprattutto la parte così importante relativa ai costi . “Se non lo sa spiegare con parole semplici significa o che non lo ha capito o che non te lo vuole far capire”. Tutte le analisi finanziarie possono essere comprensibili a qualsiasi livello di studio conseguito e a qualsiasi livello di predisposizione alla materia . Quindi esigi chiarezza e impara a non subire passivamente ciò che ti viene proposto. Piuttosto non investire!

Il consulente finanziario ti elenca sempre i pro e contro di ogni proposta? 

Ogni scelta implica benefici e rinunce. Non esiste l’investimento perfetto: la sicurezza va a scapito del rendimento e viceversa.
Un solido rapporto di fiducia si basa sulla trasparenza: ogni soluzione che il consulente finanziario propone deve essere argomentata sottolineando vantaggi e svantaggi di ogni singolo prodotto d’investimento selezionato.
Come accennato prima, una delle parti più delicate relative alla scelta dei prodotti di investimento riguarda un’attenta analisi  dei costi che ti consenta di controllare  correttamente il rapporto oneri/benefici.

Il consulente finanziario ti mette fretta nelle scelte?

Non esistono occasioni da prendere al volo: investire è un processo che richiede attenzione, impegno e pazienza.
Chi ti incalza incoraggiandoti a cogliere l’occasione del momento piuttosto che ad approfittare di offerte riservate, non solo manca di professionalità ma anche di rispetto della tua dignità. 

Il consulente finanziario analizza le tue necessità partendo dai tuoi obiettivi?

L’investimento per obiettivi è quel processo che ti aiuta  a collegare una parte del tuo patrimonio complessivo ad una specifica esigenza .

Questa tecnica consiste, infatti, nell’individuare obiettivi concreti  e nel suddividere il tuo capitale in tanti portafogli quanti sono i traguardi che intendi raggiungere a breve, medio e lungo termine (ad esempio: l’acquisto di una casa, la costruzione di una famiglia, la pianificazione di una pensione, la programmazione dello studio dei figli ecc..). In questo modo sarà possibile gestire ciascuno di essi seguendo la strategia più appropriata (approfondisci leggendo il post sulla strategia d’investimento per obiettivi).

Il consulente finanziario ti dà sempre ragione?

La qualità della consulenza si basa sulla gestione dell’emotività. Gli errori più comuni che si fanno in campo finanziario non sono legati alla scelta di  cattivi  investimenti quanto piuttosto alla messa in atto di  cattivi comportamenti .
Troppo spesso, ad esempio, si è spinti ad investire sull’onda di un’euforia irrazionale sopravvalutando la propria tolleranza al rischio, per poi farsi travolgere dal panico nelle fasi di ribasso del mercato. Si tende a passare quindi dall’ottimismo al pessimismo (e viceversa) in funzione all’andamento delle quotazioni.

La professionalità e l’esperienza del buon consulente servono a prevenire questi cattivi comportamenti cercando di moderare decisioni dettate dall’irrazionalità emotiva (leggi l’articolo sugli errori finanziari causati dall’emotività)


Conclusioni

La scelta del   consulente finanziario ideale deve necessariamente basarsi su criteri imprescindibili quali la professionalità, l’esperienza, la disponibilità all’ascolto.
Tuttavia il rapporto consulente/cliente ha una forte componente emotiva: “ investire non è un’azione fine a se stessa quanto piuttosto il mezzo per realizzare gli obiettivi futuri a breve, medio e lungo termine (cit.)” .
Dunque è estremamente importante che tu riesca a sentirti a tuo agio con il tuo consulente finanziario. Soltanto così sarà possibile instaurare una relazione duratura e proficua, soprattutto per te.

Leggi anche:

Cosa fa il consulente finanziario?

Perché rivolgersi ad un consulente finanziario.

Ricevi gratuitamente tutti i nuovi articoli via mail, insieme ad aggiornamenti esclusivi!  

Iscriviti

* indicates required


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *